mercoledì 18 maggio 2016

L’autoritarismo che licenzia per facebook

La Piaggio licenzia due operaie per uno sfogo (innocuo) contro la gerarchia aziendale, postato su facebook, con la motivazione ipocrita che è venuto in questo modo meno il rapporto di fiducia tra azienda e lavoratore. 

L’attacco alle garanzie e ai limiti previsti fino a ieri dallo statuto dei lavoratori (divieto di telecamere sul posto di lavoro, divieto di controllo sull’utilizzo anche dei computer aziendali) si è spinto fino a autorizzare lo spionaggio di opinioni espresse anche in ambiti ristretti, fino a colpire i lavoratori anche per uno sfogo contro le pressioni, l’oppressione e la mancanza di riguardi che le gerarchie aziendali dimostrano in fabbrica nei loro confronti. 

Questi licenziamenti sono inaccettabili e pericolosi per tutti i lavoratori. Dimostrano una concezione poliziesca e borbonica dei rapporti di lavoro. 
I lavoratori vendono la loro forza lavoro in cambio del salario, non vendono altro e possono essere valutati solo su come eseguono il loro lavoro.  

RSU FIOM Piaggio
Posta un commento

Commenti

Si comunica che il Manifestino non pubblica ne' insulti ne' affermazioni non motivate .Se vuoi scrivere degli argomenti e sei disposto a discuterli, invia un testo, anche breve ma argomentato, e lo pubblicheremo.Grazie

Iscriviti alla newsletter

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Le immagini e l'articoli sono reperite nel Web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al creatore che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.